Perdere un figlio in gravidanza avanzata è una causa di straordinario dolore. Per molte ragioni, i nati morti sono regolarmente under-reported, che ha reso difficile

quantificare il peso globale, per determinare le varie cause di morte e per sviluppare opportuni interventi per affrontare il problema.

Una nuova ricerca sul ending preventable stillbirths, pubblicati sulla rivista medica Lancet, stima che l'anno scorso 2,6 milioni di gravidanze si sono concluse con la morte del feto. Di queste, il 98 per cento si sono verificate nei paesi a basso e medio reddito.

La malaria e la sifilide sono responsabili del maggior numero di feti nati morti rispetto a qualsiasi altre malattia infettiva, causando oltre 420.000 morti in utero ogni anno. Nell'Africa sub-sahariana, tre di ogni 10 nati morti sono dovuti alla malaria o la sifilide. Anche se queste cifre sono triste, vi è motivo di speranza. Sappiamo come intervenire. Un farmaco anti-malarico denominato SP (sulphadoxine-pirimetamina) deve essere somministrato a donne in gravidanza che vivono in aree con moderata a elevata trasmissione della malaria per aiutarle a proteggersi contro la malaria, e, a loro volta, salvaguardarle contro una serie di problemi che ne derivano tra cui: la morte del feto, parto pre-termine, basso peso del feto alla nascita, l'anemia materna, e morte neonatale. Questo fa parte dell’Appello globale all'azione (Global Call to Action) raccomandata dall'Organizzazione mondiale della sanità.

Alcuni potrebbero chiedersi se lo screening per i parassiti della malaria, al fine di fornire un trattamento, potrebbe essere un’azione migliore rispetto al dare un trattamento preventivo a tutte le donne in stato di gravidanza. Tuttavia, i test diagnostici di oggi non sono sufficientemente sensibili per rilevare la presenza di parassiti della malaria nella placenta.

Di conseguenza, le donne in gravidanza in aree endemiche possono essere considerate non infette da malaria grazie ad un esame del sangue, mentre in realtà potrebbero inconsapevolmente portare parassiti della malaria nella placenta. L'evidenza è chiara: il trattamento preventivo è superiore agli approcci attuali “screen-and-treat”.

Il miglior modo di agire è quello di fornire la terapia con SP ad un costo di soli $ 0,20 per trattamento fino a che sarà disponibile una migliore opzione, abbinata all’utilizzo di zanzariere trattate con insetticida per evitare che le zanzare portatrici di malaria possano trasmettere la malattia alle donne.

In effetti, le evidenze scientifiche indicano che SP è in grado di prevenire il basso peso alla nascita del feto e la trasmissione della malaria fino a livelli molto bassi, il che suggerisce che il trattamento preventivo della malaria per le donne incinte può essere una componente importante del pacchetto di assistenza prenatale fino a quando la malaria non verrà eradicata dalle aree endemiche di tutto il mondo.

Per quanto riguarda la sifilide, circa il 4 o 5 per cento delle donne incinte in Oriente e in Africa del Sud sono infettate. Un recente studio in Tanzania ha mostrato che il 25 per cento delle donne che contraggono l’infezione in gravidanza e non sono state trattate opportunamente hanno partorito un bambino morto e il 50 per cento di tutti i nati morti è stato attribuito alla sifilide in donne che non erano stati screenate per tale infezione.

Un secondo studio, con la stessa impostazione, ha mostrato che il trattamento con una singola dose di penicillina prima della 28 esima settimane di gravidanza guarendo la sifilide congenita della madre ha abbassato il numero di morti del feto alla nascita attribuibile all'infezione. Il costo dell'intervento è stato appena $ 1,4 per donna screenata.

Sebbene lo screening per la sifilide è consigliato in molti Paesi, la copertura economica è scarsa così come è limitato l'accesso ai laboratori, ed spesso per le donne è difficile tornare nuovamente nelle strutture sanitarie per ricevere i risultati dei test e per l’eventuale trattamento.

Vi è ora una soluzione adatta per questi problemi. Test per la diagnosi veloci e facili da usare, che richiedono solo una goccia di sangue e nessuna attrezzatura, sono disponibili ad un costo di $ 0,5. Questi test possono essere utilizzati ovunque e darà un risultato entro 15 minuti in modo che le donne possono essere sottoposti a screening e, se necessario, trattate durante la stessa visita.

In effetti, un nuovo test è stato recentemente messo a punto per identificare rapidamente le persone che sono affette da sifilide, HIV, o entrambi, che significa che lo screening potrebbe essere molto più semplice durante le visite prenatali. Questi test devono essere effettuate nelle zone in cui i servizi di laboratorio non sono immediatamente disponibili per l'assistenza prenatale.

E 'evidente che oggi abbiamo gli strumenti per prevenire i nati morti imputabili alla malaria e alla sifilide. Cerchiamo di non essere ricordato per la nostra incapacità di agire.

 

Matthew Chico is a lecturer in the Department of Disease Control at the London School of Hygiene & Tropical Medicine

Rosanna Peeling is a professor and the chair of diagnostics research at the London School of Hygiene & Tropical Medicine

http://news.trust.org/item/20160119163105-rov2y/?source=hpMostPopularBlogs