Nel film di Hollywood “Medicine Man” uno scienziato eccentrico, interpretato dall'attore scozzese Sean Connery, cerca di salvare una foresta pluviale dalla

distruzione, poichè egli ritiene che la sua unica biodiversità contiene gli ingredienti di nuove cure per malattie umane debilitanti. Un po 'di fantasia cinematografica? Difficilmente. La salute degli ambienti naturali ha un impatto diretto sulla salute umana.

Un esempio calzante: la deforestazione intensiva nelle foreste pluviali della Malesia sta esponendo sempre più persone ad un tipo di malaria trovato precedentemente solo alcuni tipi di macachi, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Emerging Infectious Diseases. Causata da un parassita del sangue e trasmessa dalle zanzare, questa "monkey malaria", così è stata soprannominata questa malattia, ha saltato con successo la barriera di specie ed è riuscita così ad infettare l'uomo in diverse aree del paese.

"Le specie di malaria zoonotica del Plasmodium knowlesi è diventata la principale causa di malaria umana nel Borneo malese. La deforestazione e i cambiamenti ambientali e demografici associati ad essa sono stati ipotizzati come la principale causa di questa apparente emergenza ", scrivono gli autori dello studio, che per la raccolta dei dati hanno trascorso cinque anni in 450 villaggi nei distretti di Kudat e Kota Marudu nello stato di Sabah nel Borneo. “I risultati suggeriscono la possibilità che la deforestazione e cambiamenti ambientali associati sono fattori chiave nella trasmissione del P. knowlesi in queste zone" i ricercatori così concludono.

In primo luogo hanno identificato che questo ceppo di malaria, una volta confinato alle sole scimmie, si è diffuso ampiamente in alcune comunità di esseri umani della Malesia peninsulare nel 1965. Nel solo Sabah, le infezioni sospette causate da tale parassita sono salite dal 2% di tutti i casi locali di malaria registrati nel 2004 a un allarmante 62% nel 2013. Anche se la maggior parte dei pazienti hanno risposto bene ai trattamenti, alcuni di loro sono morti.

Le foreste sono state ampiamente ripulite, ma le zanzare che portano l'agente patogeno sono entrate in contatto sempre più stretto con le comunità umane attraverso una maggiore "sovrapposizione spaziale" tra gli abitanti dei villaggi che vivono ai margini di boschi e i macachi che vivono nella foresta vicina. In altre parole, la deforestazione sta incidendo sul tasso di infezioni da tale parassita. I ricercatori, durante il loro periodo di osservazione di cinque anni, hanno scoperto che la metà dei villaggi presi in analisi hanno perso circa un decimo delle loro foreste entro un raggio di 3 miglia. "alla luce dei nostri risultati, consideriamo che la deforestazione ha una precisa conseguenza sulla salute pubblica, che deve essere affrontata con urgenza", ha detto il principale autore dello studio Kimberly Fornace, ricercatore presso la London School of Hygiene and Tropical.

http://cleanmalaysia.com/2016/01/20/deforestation-is-exposing-malaysians-to-monkey-malaria-study-warns