Hamshire et al.

Multivariate profile and acute-phase correlates of cognitive deficits in a COVID-19 hospitalised cohort

EClinicalMedicine, May2022; doi: 10.1016/j.eclinm.2022.101417

Abstract

Background: Preliminary evidence has highlighted a possible association between severe COVID-19 and persistent cognitive deficits. Further research is required to confirm this association, determine whether cognitive deficits relate to clinical features from the acute phase or to mental health status at the point of assessment, and quantify rate of recovery.

Methods: 46 individuals who received critical care for COVID-19 at Addenbrooke's hospital between 10th March 2020 and 31st July 2020 (16 mechanically ventilated) underwent detailed computerised cognitive assessment alongside scales measuring anxiety, depression and post-traumatic stress disorder under supervised conditions at a mean follow up of 6.0 (± 2.1) months following acute illness. Patient and matched control (N = 460) performances were transformed into standard deviation from expected scores, accounting for age and demographic factors using N = 66,008 normative datasets. Global accuracy and response time composites were calculated (G_SScore& G_RT). Linear modelling predicted composite score deficits from acute severity, mental-health status at assessment, and time from hospital admission. The pattern of deficits across tasks was qualitatively compared with normal age-related decline, and early-stage dementia.

Findings: COVID-19 survivors were less accurate (G_SScore=-0.53SDs) and slower (G_RT=+0.89SDs) in their responses than expected compared to their matched controls. Acute illness, but not chronic mental health, significantly predicted cognitive deviation from expected scores (G_SScore (p=​​0.0037) and G_RT (p = 0.0366)). The most prominent task associations with COVID-19 were for higher cognition and processing speed, which was qualitatively distinct from the profiles of normal ageing and dementia and similar in magnitude to the effects of ageing between 50 and 70 years of age. A trend towards reduced deficits with time from illness (r∼=0.15) did not reach statistical significance.

Interpretation: Cognitive deficits after severe COVID-19 relate most strongly to acute illness severity, persist long into the chronic phase, and recover slowly if at all, with a characteristic profile highlighting higher cognitive functions and processing speed.

D. Fanelli et al.

Do individual and institutional predictors of misconduct vary by country? Results of a matched-control analysis of problematic image duplications

PlosOne, March 2022; doi.org/10.1371/journal.pone.0255334

Abstract

Pressures to publish, perverse incentives, financial interest and gender are amongst the most commonly discussed risk factors for scientific misconduct. However, evidence of their association with actual data fabrication and falsification is inconclusive. A recent case-controlled analysis of articles containing problematic image duplications suggested that country of affiliation of first and last authors is a significant predictor of scientific misconduct. The same analysis found null or negative associations with individual proxies of publication rate, impact and gender. The latter findings, in line with previous evidence, failed to support common hypotheses about the prevalence and causes of misconduct, but country-level effects may have confounded these results. Here we extend and complete previous results by comparing, via matched-controls analysis, articles from authors in the same country. We found that evidence for individual-level risk factors may be significant in some countries, and null or opposite in others. In particular, in countries where publications are rewarded with cash incentives, and especially China, the risk of problematic image duplication was higher for more productive, more frequently cited, earlier-career researchers working in lower-ranking institutions, in accordance with a “misaligned incentives” explanation for scientific misconduct. However, a null or opposite pattern was observed in all other countries, and especially the USA, UK and Canada, countries where concerns for misaligned incentives are commonly expressed. In line with previous results, we failed to observe a statistically significant association with industry funding and with gender. This is the first direct evidence of a link between publication performance and risk of misconduct and between university ranking and risk of misconduct. Commonly hypothesised individual risk factors for scientific misconduct, including career status and productivity, might be relevant in countries where cash-reward policies generate perverse incentives. In most scientifically active countries, however, where other incentives systems are in place, these patterns are not observed, and other risk factors might be more relevant. Policies to prevent and correct scientific misconduct may need to be tailored to a countries’ or institutions’ specific context.

Pertwee E at al.

An epidemic of uncertainty: rumors, conspiracy theories and vaccine hesitancy

Nature Medicine, https://www.nature.com/articles/s41591-022-01728-z

CONTENUTO E COMMENTO : Una delle più grandi sfide di sanità pubblica dall’inizio della pandemia è stato arginare la cosiddetta « infodemia », ovvero l’epidemia di disinformazione relativa alla COVID-19 e, soprattutto, alla relativa campagna vaccinale. In questo perspective article, gli autori suppongono che il fenomeno dell’esitazione vaccinale non affondi le sue radici nella bassa qualità del sistema informativo sui vaccini in sé, quanto nella perdita di fiducia nei confronti dell’autorità sanitaria, in un sentimento di esclusione dalla vita politica e, infine, in un inasprimento dell’ansia sociale riguardante la velocità dello sviluppo tecnologico.

In sostanza, gli autori sottolineano come, per combattere efficacemente l’esitazione vaccinale, le campagne di salute pubblica debbano, più che espandere e rafforzare il sistema informatio, lavorare sul riconsolidamento di un sentimento di fiducia nei confronti delle istituzioni.

 Sander van der Linden 

Misinformation: susceptibility, spread, and interventions to immunize the public

Nature Medicine (2022), https://www.nature.com/articles/s41591-022-01713-6

CONTENUTO E COMMENTO: Interessante review che sintetizza le conoscenze attuali in psicologia nel contest della vaccine hesitancy. Sulla scia della dichiarata “infodemic” del WHO nel 2020, vengono tracciati molti parallelismi tra epidemiologia e vaccinazione. Concettualmente possiamo infatti dividere la ricerca attuale in tre grandi dimensioni teoretiche, qui sintetizzate per brevita’ in concetti :

  • Suscettibilita’:
  • “Affermazioni ripetute hanno piu’ probabilita’ di essere giudicate come vere che nuove affermazioni”: meccanismo noto come processing fluency. I dati dimostrano come la precedente esposizione a fake news aumenti l’accurateza percepita, come le verita’ illusorie possano essere attribuite sia ad affermazioni plausibili che non e che queste verita’ non siano mediate da stili di ragionamento come analitico vs intuitivo.
  • Gli individui piu’ anziani sono piu’ suscettibili (potenzialmente dovuto a fattori come una piu’ grande illiteracy digitale o declino cognitivo).
  • Persone con orientamenti politici piu’ estremi e polarizzati a destra sono piu’ suscpettibili a misinformazione anche quando questa non e’ politica.
  • Skills e stili di pensiero analitici hanno correlazione negativa con la suscettibilita’ alla misinformazione.
  • Inattention account (classical reasoning): teoria per cui le persone sono impegnate nel condividere informazioni accurate, ma il contesto dei social media le distrae da questo intento.

Vs

  • Motivated reasoning account: teoria per cui le persone sono motivate politicamente nel ragionamento, per cui si inizia il processo di ragionamento con uno scopo prefissato e quindi gli individui interpretano nuove (dis)informazioni per raggiungere lo scopo. Una variante di questa teoria “motivated numeracy account” suggerisce che il Sistema di ragionamento analitico e riflessivo non aiuta necessariamente le persone in ragionamenti piu’ accurati, ma e’ spesso al servizio del pensiero basato sull’identita’. I dati a conforto di questa tesi illustrano come anche coloro con grandi doti di pensiero analitico diventino meno accurate e si polarizzino quando riflettono su temi a sfondo politico (es. Valutare una terapia cutanea vs politiche del controllo delle armi).
  • LIMITI: replication crisis in psicologia, partisan bias come effetto di espozione selettiva invece che motivated reasoning, non necessariamente polarizzazione significa non volonta’ di aggiornare le proprie convinzioni sulle nuove evidenze.
  • COVID: problema di salute pubblica politicizzato molto rapidamente.
  • Diffusione:
  • Modello suscettibile-infetto-guarito per quantificare la diffusione della misinformazione. R0 rappresenta gli individui che cominceranno a postare fake news dopo contatto con qualcuno gia’ infetto. Il potenziale per un’infodemia e’ maggiore per R0 >1. Tutti i social network hanno potenziale per scatenare una diffusione infodemica, ma alcuni ne sono maggiormente responsabili: ad esempio su Twitter una fake news ha il 70% di probabilita’ in piu’ di essere condivisa che una notizia vera e quest’ultima ha bisogno di 6 volte piu’ di tempo per raggiungere 1500 persone che una storia falsa. Un piccolo numero di account sono responsabili della maggioranza del contenuto condiviso e consumato (Supercondivisori e superconsumatori).
  • Esposizione non significa infezione. Le stime di esposizione basate sui dati dei social media non corrispondono con le esperienze riportate dalle persone, il che getta ombra sull’accuratezza delle stime di esposizione, basata solitamente su scarsi dati pubblici e che dipende molto dalle assunzioni del modello. Spesso poi le persone condividono contenuto anche sulla base di cio’ che ritengono “interessante SE vero”.
  • LIMITI: studi dimostrano che e’ difficile persuadere utilizzando i tradizionali metodi pubblicitari, studi che testano esposizioni single invece che la persuasione intesa come funzione di esposizioni ripetute a misinformazione. Sforzi di microtargeting hanno aumentato l’abilita’ dei produttori di misinformazione di identificare e colpire individui piu’ suscettibili alla persuasion.
  • Immunizzazione:
  • Approcci terapeutici: fact-checking e debunking: le migliori pratiche attualmente disponibili possono essere riassunte in questa imagine:

L’efficacia e’ strettamente dipendente dalla qualita’ del debunk, dal passare del tempo e dalle ideologie e credo precedenti. E‘ quindi importante trasmettere il messaggio con la verita’, far riferimento al consenso scientifico ed autorita’ del settore, assicurarsi che la correzione sia facilmente accessibili e non piu’ complessa che la misinformazione iniziale e con una spiegazione causale alternativa coerente.

  • LIMITI: natura post-hoc, rischio di backfiring (worldview e familiarity)
  • Approcci profilattici:
  • prebunking: remind alle persone di “pensare prima di postare”.
  • teoria dell’inoculazione: avvisare prima su queste tematiche ed esporre gli individui a dosi molto attenuate di misinformazione accoppiate con forti correzioni perche’ sviluppino resistenza cognitive contro misinformazioni future. I due meccanismi attraverso cui opera: minaccia motivazionale (desiderio di difendersi dalla manipolazione), prebunking (esposizione a un esempio attenuato di attacco). Il principale scopo di questa tattica e’ di immunizzare le persone contro le strategie di misinformazione piu’ comuni (impersonamento di falsi esperti, appelli alla paura, teorie della cospirazione).
  • Attenzione agli aspetti attivi vs passivi: sono stati sviluppati giochi per favorire questo passaggio di informazioni.
  • Tempo: come nell’immunita’ in senso biologico, l’immunita’ psicologica diminuisce nel tempo e puo’ essere mantenuta con dei booster.

LIMITI: sarebbe necessario capire a che tipi di tattiche le misinformazioni future faranno appello.

Pertwee E. et Al.

An epidemic of uncertainty: rumors, conspiracy theories and vaccine hesitancy

Nature medicine, https://www.nature.com/articles/s41591-022-01728-z

CONTENUTO E COMMENTO: COMMENTO: Articolo perspective che affronta l’attuale infodemia sul COVID nel contest della vaccine hesitancy.

  • Paesaggio della misinformazione vaccinale

Prima dell’epidemia, la maggior parte delle piattaforme di social media non avevano nessuna politica contro la misinformazione vaccinale. Molti passi sono stati compiuti da allora: ad esempio, riduzione del ranking di gruppi e pagine promotori di disinformazione sui vaccini da parte di Fb, la riduzione degli introiti pubblicitari per i canali antivaccinisti su Youtube, signpost per fonti di informazioni credibili, label su informazioni potenzialmente errate o rimozione di contenuto ad alto rischio di causare danno nel mondo reale. Tutto cio’ ha pero’ portato a grandi domande su come monopoli tecnologici private abbiano la competenza istituzionale o la legittimita’ democratica di arbitrare su verita’ scientifiche o conseguenze nel mondo reale di atti di libera espressione.

  • Ruolo dell’insicurezza sociale

Le teorie del complotto sul covid e la vaccinazione vanno lette invece come espressione di paure ed anise popolari. La vaccine hesitancy va affrontata come problema di fiducia e non solo come un problema informative. Le teorie cospirazioniste sono tentativi di imporre coerenza narrativa a situazioni terrorizzanti, come rivoluzioni, guerre, ecc. Queste nascono dal desiderio di donare del senso al proprio ambiente sociale in contesti di insicurezza, riassumendo eventi complessi in storie semplificati, ideali per la trasmissione culturale. I contesti di insicurezza di questi due anni hanno pertanto esacerbato anche preoccupazioni gia’ presenti, come ad esempio quelle relative alla salute e le nuove tecnologie. Su questa linea, studi dimostrano che I 1/5 degli americani crede che i vaccini COIVD siano usati dal governo per diffondere microchip: questo mostra la diffusione delle preoccupazioni su sorveglianza digitale e la commodificazione dei dati personali.

  • Importanza della fiducia

Un ecosistema informativo disfunzionale potrebbe aver accelerato la diffusione di miti e teorie del complotto sul covid, ma non li ha direttamente causati. Focalizzarsi sull’ecosistema oscura il piu’ ampio contest storico, istituzionale e sociocolturale. In molti paesi, e’ stata cruciale la mancanza di fiducia nelle istituzioni chiave coinvolte in produzione, fornitura, distribuzione dei vaccini. La fiducia diventa importante ogni qual volta sia implicato un implicito squilibrio di potere tra le parti e gli individui che hanno fiducia sono in una condizione vulnerabile. Questo diventa ancora piu’ importante in contesti di alta insicurezza sociale dove spesso gli individui devono prendere decisioni su informazioni incomplete.

La fiducia nel contesto vaccinale va considerate in toto, tenendo in conto il prodotto, il produttore e il policy maker. Le teorie del complotto contribuiscono al clima di insicurezza anche se le persone non ci credono: e’ dimostrato che anche se gli individui non credono nel contenuto anti vaccinista, l’esposizione a questo tipo di narrative instilla il dubbio sulla sicurezza ed efficacia dei vaccini o sui motivi di coloro coinvolti in produzione e amministrazione.  La fiducia e’ inoltre legata alle esperienze passate, per cui i gruppi marginalizzati come minoranze etniche o religiose sono meno fiduciose nei vaccini in generali e meno propense a farsi vaccinare.

  • Volatilita’ del sentimento

L’epidemiologia emotive e’ un termine che spiega come le decisioni sulla salute non sono determinate solo dal pensiero razionale, ma dipendono anche dai sentimenti. La paura e l’ansia ha effetti negativi sui comportamenti preventivi, come l’isolamento, e aumentano la stigmatizzazione di chi e’ malato mentre emozioni positive, come la speranza di tornare alla normalita’, motivano le persone a seguire le misure di salute pubblica. Le esperienze passate collettive puo’ guidare i gruppi a internalizzare emozioni condivise che possono influenzare  l’accettazione o il rifiuto di interventi di salute pubblica

La vaccine hesitancy va quindi riconosciuto come un processo di decision-making invece che un set di credo, attitudini e comportamenti prefissati. Essere indecisi in contesti di incertezza non e’ come essere antivaccinazione: I soggetti esitanti sono piu’ spesso consumatori di contenuto antivaccinale, ma non sono spesso ideologicamente opposti alla vaccinazioni. La comunicazione nei vaccini deve partire da posizioni di empatia e mirare a ricostruire la fiducia, attraverso messaggeri adeguati e relazioni stabilite. I politici e le autorita‘ di salute pubblica devono accuratamente soppesare I rischi di misure che possano essere potenzialmente interpretate come coercitive o stigmatizzanti, come ad esempio i passaporti vaccinali. Nonostante l’enfasi sulla fiducia, e’ comunque importante adottare misure che aggrediscano la misinformazione, specialmente ocn misure proattive che mirino a costruire la resilienza delle idee dannose prima che le persone siano esposte a queste.

 

master logo